Esenzione canone RAI 2018, come fare richiesta

24 Set Esenzione canone RAI 2018, come fare richiesta

Il canone Rai è un’imposta prevista per tutti i possessori di apparecchi in grado di ricevere le radioaudizioni televisive nel territorio italiano. Con la legge di stabilità del 2016, il canone Rai è stato addebitato all’interno della bolletta dell’energia elettrica. 

La somma di denaro prevista per il pagamento di questa imposta è di 90 euro, la scadenza è fissata al 31 luglio e, in genere, la somma viene dilazionata all’interno delle bollette che vanno da gennaio a luglio.

L’obbligatorietà del canone Rai

Il canone Rai è un tributo che non comporta alcun obbligo da parte dell’azienda Rai, dal momento che non è previsto un contratto e quindi un incontro di volontà tra le parti (Rai – contribuente). Esso è obbligatorio e segue il principio della proporzionalità impositiva, che prevede il prelievo coattivo di ricchezza dai contribuenti con lo scopo di finanziare un servizio pubblico. 

La sua imponibilità è strettamente legata alla detenzione di un apparecchio in grado di captare i segnali radio-televisivi, a prescindere dalla reale volontà di usufruire o meno del servizio.

L’esenzione al canone Rai

L’addebito in bolletta del canone Rai, introdotto nel 2016, ha fatto sorgere la necessità di stabilire quali fossero i soggetti da considerare esenti dal versamento del tributo.

Anche nel 2018 sono stai confermate le esenzioni. 

Senza dubbio, non sono tenuti a versare l’imposta Rai i soggetti che non detengono apparecchi radio-televisivi. Pertanto, tutti coloro che non hanno una televisione sono tenuti a comunicarlo, tramite auto-certificazione, all’Agenzia delle Entrate. Il modulo deve essere compilato e spedito in via telematica.

Sono esenti dal versamento del canone Rai anche i soggetti che hanno un’età superiore ai 75 anni e che sono in possesso anche di requisiti di reddito previsti dalla legge. 

In sostanza, per poter richiedere l’esenzione del versamento del tributo è necessario essere un over 75 ed avere un reddito annuo pari o inferiore ad 8.000 euro. Il limite reddituale è stato innalzato proprio nel 2018, infatti grazie a questa modifica sono aumentati i soggetti che possono richiedere l’esenzione.

Inoltre, sono esonerati dal versamento del canone Rai anche gli invalidi civili degenti in una casa di risposo, i Militari delle Forze Armate, i Militari delle Forze straniere Nato, agenti diplomatici e consolari, rivenditori e negozi di TV. 

Come fare richiesta di esenzione

Essere in possesso dei requisiti validi per l’esenzione del tributo non è sufficiente ad evitare l’addebito in bolletta o il versamento dell’imposta. Infatti, il soggetto che ritiene di avere diritto all’esenzione deve, in ogni caso, effettuare una dichiarazione all’Agenzia delle Entrate. 

Prima di inviare la richiesta è necessario compilare l’apposito modulo messo a disposizione sul sito dell’Agenzia. 

Se la dichiarazione serve ad attestare il fatto di non essere in possesso di un apparecchio in grado di captare il segnale radio-televisivo, allora occorre scaricare il modulo e compilare il Quadro A del modello.

La richiesta di esenzione deve essere inviata entro il 31 gennaio, per evitare l’addebito in bolletta, anche se è possibile consegnare la domanda dal 1 febbraio fino al 30 giugno, in questo caso però l’esenzione riguarda il secondo semestre dell’anno. 

Ricapitolando, per comunicare di avere diritto all’esenzione al pagamento del canone Rai è necessario inviare la richiesta:

entro il 31 gennaio, per essere esenti tutto l’anno;

dal 1 febbraio al 30 giugno, per essere esenti nel secondo semestre dell’anno (luglio-dicembre).

Se anche negli anni successivi si continua a non essere in possesso di apparecchi televisivi, è necessario consegnare, ogni anno, il Quadro A compilato all’Agenzia delle Entrate.

La richiesta può essere inviata tramite PEC, online sul sito dell’Agenzia oppure con una raccomandata.

Redazione Partitaivaonline
info@commercialista24ore.com

Dalla redazione del portale partitaivaonline.com, formato da dottori commercialisti ed esperti nel settore fiscale

No Comments

Post A Comment

Share with your friends










Inviare