Come aprire una falegnameria e diventare falegname?

falegn

04 mar Come aprire una falegnameria e diventare falegname?

Siete dei falegnami esperti? In tempi di crisi la possibilità di aprire una falegnameria in proprio, potrebbe risultare un ottimo investimento per chi questo lavoro lo svolge da tempo, magari alle dipendenze di un altro. Per poter avviare questo progetto è necessario avere una certa esperienza in questo settore e possibilmente avere dei titoli.

Aprire falegnameria: benvenuti nel mondo artigianale

La falegnameria rientra nel settore dell’artigianato, chi desidera aprire un negozio di questo tipo, dovrà inizialmente rivolgersi ad un commercialista (inclusi ovviamente gli esperti di partitaivaonline.com) per avere maggiori informazioni sull’avvio dell’attività e sui costi di gestione.
Come le imprese commerciali, anche quelle artigianali devono rispondere ad alcuni obblighi, in primis in ambito sicurezza sul lavoro (meglio affidarsi ad un esperto in materia) e in ambito fiscale e burocratico

Cosa serve per aprire una falegnameria?

Per aprire un’attività di falegnameria è necessario disporre di locali molto grandi, dove poter effettuare i lavori richiesti dai clienti. Un locale dovrà possibilmente essere adibito al taglio e alla posa dell’opera del legno, l’altro locale dovrà diventare a tutti gli effetti, una cabina per eseguire la verniciatura in legno.
Importante per l’apertura di una falegnameria, avere un piccolo spazio o una stanza da adibire ad ufficio, dove potrete predisporre i progetti dei lavori da effettuare. Per diventare falegnami è necessario, avere conoscenze approfondite sul legno e sulle tecniche di lavorazione e ovviamente sarà necessario anche un periodo di apprendista presso un falegname.

Aprire partita iva per una falegnameria e adempimenti connessi

Non servono particolari autorizzazioni (escluse quelle eventuali per la sicurezza sui luoghi di lavoro) per aprire una falegnameria e diventare falegnami, basta tanta passione e olio di gomito. Di seguito un sunto degli adempimenti e dei costi indicativi per iniziare:

Adempimenti

Modello Comunica che include pratica per Agenzia delle  Entrate, Camera di Commercio, INAIL e Inps gestione IVS Artigiani.

Costi per apertura attività

Euro da 123,50 a 141,50 per diritti prima iscrizione in Camera di Commercio secondo provincia.

Alcune Camere di commercio prevedono anche il versamento di una tassa di concessione governativa di Euro 168,00.

Alcune Camere di Commercio e/o Comuni prevedono il versamento di diritti per riconoscimento dei requisiti e/o per la S.C.I.A. artigiana.

Costi fissi annui

Euro da 88,00 a 106,00 per diritto annuale camera di commercio secondo provincia dal secondo anno.

Euro 3.347,59 per contributi ivs artigiani fino ad Euro 14.930,00 di reddito.

INAIL  che varia in base alla classe di rischio. Euro 500 ca.

Giovanni Emmi
emmi.rosario@gmail.com

Giovanni Emmi, Dottore Commercialista iscritto all'Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Catania, è il titolare dello Studio Emmi. Collaborano con lo studio diverse figure professionali del settore contabile e della consulenza del lavoro, legale, tecnico, finanziario e creditizio.

1Comment
  • Mauro Andreotti
    Posted at 16:04h, 03 aprile Rispondi

    abbandonate l'idea .. tra rivenditori di infissi polacchi rumeni e centri fai da te nei serramenti non c'è margine, costruire mobili è raramente conveniente a ben cercare si trova tutto già pronto prodotto da aziende che sfornanoarredi a costi ridicoli solo per tenere viva l'attività in questo momento di crisi, le riparazioni?.. poca roba e vi faranno impazzire, sarete richiesti per piccolezze che non vi renderanno neppure il costo del carburante, inoltre avrete la concorrenza illecita del vari extracomunitari abusivi che a suon di annunci nelle bacheche dei fai da te vi faranno sembrare essosi e allora che si fa? imballaggi e pallets? figurati .. chi già li produce causa crisi ha i piazzali pieni e gli operai cassintegrati. Date retta a me, le falegnamerie sono rami secchi! .. Ah dimenticavo le scale!!! e chi le vuole più sono passate di moda la richiesta langue

Post A Comment

Share with your friends










Inviare